VERGE, QUANTUM E STALLAR: 3 CRIPTOVALUTE DEL 2017

Nella parte finale del 2017, le criptovalute in generale hanno accusato una discreta correzione ribassista, sopratutto per quel che riguarda Bitcoin, la più popolare fra le valute digitali e la più capitalizzata in assoluto.

Questo movimento è stato sicuramente portato avanti sia dalle classiche prese di beneficio di fine anno da parte dei grossi investitori sia dalle notizie giunte dalla Corea del Sud, il terzo polo di scambio delle criptovalute dopo Usa e Giappone, prossima ad introdurre limitazioni volte a raffreddare la speculazione su questo mercato che ha registrato rialzi del 1300% solo nel 2017.

Le misure che dovrebbero essere introdotte includeranno il divieto di aprire account di trading anonimi oltre a donare maggiori poteri agli organi di vigilanza che potranno persino decidere di bloccare o addirittura chiudere gli exchange sul mercato.

In questa situazione è stato molto interessante osservare la reazione di Bitcoin e delle altre criptovalute cercando di capire se questo mercato tende a muoversi sempre in maniera comune oppure se lascia spazio a qualche valuta digitale capace di crearsi uno spazio a se stante rispetto alla realtà di cui fa parte.

E dopo un’attenta analisi di tutto il mese appena trascorso abbiamo notato prestazioni interessanti da parte di tre criptovalute in particolare anche se non sono le uniche e questo ci fa molto piacere per noi amanti di questo straordinario sistema di nuova tecnologia futura.

Ad essere protagoniste nello scorso mese di dicembre sono state : Verge, Quantum e Stellar Lumens, nomi fra l’altro già noti agli amanti delle criptovalute in generale.

Cerchiamo di capirne pregi e difetti ed analizziamo la loro quotazione e le possibili proiezioni in termini di prezzo per il futuro.

VERGE, LA CRIPTOVALUTA ANONIMA CHE SALE DI POSIZIONE

 


Verge
, la cui sigla è XVG, è una crypto anonima e sicura che è stata pensata principalmente per garantire la privacy, molto adatta per un uso quotidiano.

L’idea di base per un investimento è nel lungo termine, quando le criptovalute saranno utilizzabili come accade oggi per il VERGEdenaro tradizionale. Sul sito ufficiale di riferimento, proprio a questo proposito, vengono indicati alcuni negozi che già l’accettano come forma di pagamento.

Per essere anonima e sicura, Verge necessita della velocità, se pensiamo ad esempio che Bitcoin per una transazione richiede molti minuti se non ore in alcuni casi.

Ecco perché nel progetto si è cercato di migliorare l’originale blockchain di Bitcoin più reti anonime come Tor e i2p.
Verge utilizza un supporto multi algoritmo per migliorare la sicurezza ed offrire un’equa distribuzione di monete per i minatori.

Inoltre questa cripto moneta conta già una comunità di sviluppatori ed utenti molto numerosa oltre ad un portafoglio per Android, Tor Android Wallet, che ne integra tutte le funzioni.

Gli unici dubbi possono nascere dal fatto che Verge non è e non sarà l’unica a scommettere su privacy e velocità delle transazioni, che sono poi i difetti principali di Bitcoin, oltre all’offerta di wallet ad alta sicurezza, ma il progetto resta al momento uno dei migliori in circolazione.

A livello di capitalizzazione Verge si trova al 23esimo posto secondo il sito Coinmarketcap.com, con i suoi 2.039.954.480$ di market cap, mentre il suo valore al momento è di 0,1414$, ad inizio 2018.

Dopo aver toccato punte a quota 0,30$, l’aspettiamo di ritorno verso questi valori per poi passare gli 0,50$ e portarsi verso la quotazione di 1 dollaro che potrebbe essere un ottimo punto di arrivo in questo 2018.

 

 

QUANTUM, UNO DEI CONCORRENTI PRINCIPALI DI ETHEREUM

 


Quantum
nasce nel marzo 2017 e si piazza al momento al 16esimo posto come capitalizzazione con i suoi 4.314.397.854$ ed un valore attuale a ridosso dei 60$, esattamente 58,48$.

Il cuore di Quantum, o Qtum, è composta dalla macchina virtuale di Ethereum e dal core di Bitcoin ma il progetto è altamente più interessante grazie ai seguenti fattori:

  • Il modello di transazione di Bitcoin, UXTO
  • Smart Contract Lifecycle Management
  • AAL, ovvero Qtum permette al blockchain Bitcoin Core 0.13 d’interagire senza problemi con la macchina virtuale Ethereum
  • P-O-S, che non è altro che un principio di messa in sicurezza delle criptovalute che impone all’utente di dimostrare di essere il possessore di un certo numero di esse.

 

QUANTUMSpesso Qtum è paragonata ad Ethereum, perché si tratta di una macchina virtuale realizzata con un versione EVM (Ethereum Virtual Machine), che permette si eseguire gli smart contract in maniera similare a quello che fa la già nota Ethereum, in maniera pressochè similare.

Quantum utilizza il Proof of Stake che al momento Ethereum potrebbe usare solo a partire dal 2018, che rispetto al Proof of Work è più economico e scalabile.

Le applicazioni di Qtum vanno dalla gestione di approvigionamento al social networking, ioT, telecomunicazione fino al settore industriale.

Il fatto di essere al momento un ibrido, come lo definisce Jordan Earis, cofondatore di Quantum, potrebbe generare al momento qualche incertezza sul progetto che per il resto pare molto ambizioso ed interessante.

Dal punto di vista delle quotazioni il ritracciamento dell’ultima swing rialzista è un’ottima opportunità d’investimento con il valore che potrebbe spingere potenzialmente fino a 100$ nel breve termine tenendo anche in considerazione la concorrenza con Ethereum ed il livello che ha saputo raggiungere quest’ultima proprio nel recente periodo.

 

 

STELLAR ENTRA NELL'OLIMPO DELLE CRIPTOVALUTE

Considerata come la nuova promessa fra le criptovalute, Stellar è entrata di diritto agli onori della cronaca dopo il suo recente e convincente balzo e si piazza attualmente al sesto posto per capitalizzazione, a quota 15.644.986.946, dopo essere entrata rapidamente nella top ten delle valute digitali.

Al momento vale circa 0,87$ ma dopo un rally poderoso con incrementi anche del 65% in una sola giornata, sta conquistando STELLARl’attenzione generale degli investitori.

Utilizzando la tecnologia blockchain come il Bitcoin, trova il suo punto di forza ancora una volta nella velocità delle transazioni, per cui occorrono dai 2 ai 5 secondi.

Una sua funzione importante è poi la possibilità di convertire in maniera abbastanza veloce le valute mondiali, trasformando ad esempio il dollaro Usa in euro e viceversa.

La moneta digitale si chiama lumens ed il suo simbolo è XLM.

Ciò che ha garantito ampia credibilità al progetto è la presenza di IBM, colosso elettronico che sta sviluppando un sistema di paramenti transazionali con alcune banche. Fra i partner del progetto vi è anche la società di consulenza Deloitte.

L’unico cosa che ha un po' oscurato le prestazioni di Stellar e che potrebbe metterla leggermente in ombra è la crescita ancora più amplificata di Ripple che ha molte caratteristiche simili e che potrebbe essere preferita o ritagliarsi un richiamo maggiore fra gli investitori molto attenti ai movimenti di mercato e sopratutto alle capitalizzazioni che hanno premiato ancora di più quest’ultima.

Ritengo tuttavia che il balzo di Stellar sia davvero notevole ed il suo valore vicino ormai alla soglia del dollaro sia destinato ad accrescersi nei prossimi mesi diventando probabilmente uno dei primi competitor proprio di Ripple di cui diverrà forse la prima concorrente.

 

 

RICAPITOLANDO

In conclusione è possibile dire che in un mese molto difficile per il Bitcoin e di calo generale delle criptovalute, si sono individuate alcune alternative i cui progetti molto interessanti e le elevate potenzialità di crescita, che permettono di spostare parte dei nostri investimenti su valute digitali che hanno ancora ampi margini di miglioramento e che sopratutto si diversificano da quelle che sono le più note crypto già presenti da molto più tempo sul mercato.

A partire dal prossimo mese seguiremo gli aggiornati sia fondamentali che di prezzo di Verge, Quantum e Stellar in modo da verificare la loro progressione fra le migliori criptovalute in circolazione.

 

Ti auguro Buon Trading

Giampiero Micheli

PROSSIMAMENTE LA QUOTAZIONE DI VERGE, QUANTUM E STELLAR

Mi farebbe piacere se mi lasciassi qui sotto un commento o un like in modo da sapere se i contenuti che pubblico sono di tuo gradimento, oppure condividere l'articolo con i tasti qui in basso, con i tuoi amici e colleghi.

Qui sotto trovi tutti i miei contatti social e se vuoi scrivermi puoi farlo a: [email protected]

 

 

 

 

 

 

 

 


Leave a Reply

Your email address will not be published.