ETHEREUM COS’E E COME FUNZIONA

Ether è la seconda criptovaluta esistente al mondo per capitalizzazione subito dopo al bitcoin, mentre Ethereum è la Blockchain su cui si basa Ether ed una delle principali antagoniste alla Blockchain di bitcoin (Bitcoin), oltre ad essere una delle tecnologie più interessanti nell’ambito del mondo delle criptovalute.

COS’E’ ETHEREUM

Ethereum come detto è dopo Bitcoin, la piattaforma più interessante e dalle maggiori potenzialità in termini di sviluppo futuro.

E’ una blockchain o piattaforma decentralizzata, costituita da una serie di nodi (ovvero computer) che permettono l’esecuzione di smart contract tramite codici/applicazioni che girano sulla stessa.

Ethereum

Sulla piattaforma si possono pertanto sviluppare altri codici o applicazioni che girano su una serie di nodi decentralizzati.

Tali applicazioni così sviluppate vengono chiamate DApps ovvero Decentrlized Applications.

Queste applicazioni girano su una rete di calcolo distribuita in tutto il mondo e sono composte da una serie di computer che mettono a disposizione della stessa la loro potenza di calcolo.

Le applicazioni realizzabili sono infinite e legate alla fantasia degli sviluppatori che utilizzano la piattaforma decentralizzata.

Analogamente a quanto è avvenuto con lo sviluppo delle applicazioni per Smartphone a seguito della invenzione dell’Iphone.

Al contrario dell’Iphone o dei dispositivi mobili, per i quali lo sviluppo delle App è legato ad un ente centralizzato che è Apple o Android, ora la piattaforma di sviluppo di Ethereum mette a disposizione un ambiente di sviluppo che è distribuito/decentralizzato in rete.

 


P.s. Se vuoi l'infografica completa da rivederla quando vuoi ed averla sempre con te, clicca sul bottone qui in basso.

 

download now

COME FUNZIONA ETHEREUM: IL CONFRONTO TRA BLOCKCHAIN

  • La blockchain di Bitcoin è focalizzata sulle transazioni finanziarie legate allo scambio della criptovaluta bitcoin.
  • La blockchain di Ethereum è infinitamente più complessa, in quanto riguarda decine di migliaia di applicazioni differenti, sviluppate in ambiti tra i più svariati e utili a slegare le stesse al controllo di un unico ente centrale.

Un esempio di utilizzo delle applicazioni su Ethereum potrebbe essere quella delle votazioni che non sarebbero più gestite da un unico ente centralizzato (Stato, Regione, Provincia ecc.), soggette al rischio di manomissione a nostra insaputa da parte dello stesso per trarne vantaggio.

Altro aspetto positivo è la digitalizzazione di questo processo, che renderebbe inutile tutta la procedura di voto per come la conosciamo ancora oggi con seggi, scrutatori e schede elettorali, i quali costituiscono una ingente voce di spesa per lo Stato o il singolo Ente, oltre a rendere lento tutto il processo.

La votazione avverrebbe tramite una piattaforma digitale che, oltre a verificare le mie credenziali per poter accedere alla votazione, validerebbe la stessa.

Ma, soprattutto, impedirebbe la manomissione o cancellazione del voto espresso, rendendo tutto il processo molto più sicuro e veloce.

Ad oggi questo aspetto non è probabilmente visto di buon occhio da politici o enti governativi ma potrebbe essere un possibile sviluppo futuro molto interessante.

LA PIATTAFORMA ETHEREUM

La piattaforma Ethereum può comunque essere impiegata in molte altre applicazioni della vita quotidiana:

  • La registrazione delle attività intellettuali (c.d. diritti d'autore).
  • La gestione degli atti notarili o dei registri notarili (oggi privati che così diventerebbero pubblici e decentralizzati non manomissibili).
  • Registri catastali.
  • Per i contratti di assicurazione.

Ad oggi le assicurazioni sulle macchine o sulla vita sono spesso e volentieri regolate da contratti non sempre molto chiari, che permettono, in alcuni casi, delle interpretazioni non oggettive da parte degli assicurati o delle assicurazioni stesse.

Oltre a dare la possibilità di realizzare delle truffe a danno di una delle due parti o comunque fornendo la scusa a delle politiche di mantenimento di prezzi alti delle polizze, al fine di cautelarsi dalle possibili truffe perpetrate dagli assicurati.

Si renderebbe possibile far girare i contratti assicurativi su blockchain, attraverso smart contract che possono liquidare l'assicurato solo al verificarsi di determinate condizioni oggettive.

LA SOCIETA' AXA E LA BLOCKCHIAN ETHEREUM

ethereumAd oggi la società AXA ha realizzato una applicazione reale (FIZZIE) che gira su blockchain Ethereum.

Questa piattaforma permette di fare l'assicurazione dei passeggeri di un volo aereo nel caso di ritardo rispetto l'orario di partenza, e dà la possibilità di essere completamente rimborsato del costo del biglietto sottoscrivendo questo smart contract con un sovrapprezzo sul costo del biglietto stesso.

L'assicurazione rende già disponibile sullo smart contract la cifra corrispondente al prezzo del biglietto per l'eventuale rimborso.

Tale rimborso avviene immediatamente solo nel momento in cui l'applicazione rileva che il volo è partito in ritardo rispetto l'orario previsto.

Invece, se il volo parte in orario lo smart contract provvede a sganciare la cifra di rimborso e a riconsegnarla alla compagnia assicurativa.

Le controparti sottoscrivono pertanto un contratto in cui le condizioni sono immutabili e non modificabili, e che rendono il tutto decisamente più trasparente per l'utente finale e meno costoso per entrambe le parti.

 

DAIMLER E LA BLOCKCHAIN ETHEREUM

Altro esempio di applicazione reale su blockchain Ethereum è stata un'emissione obbligazionaria da parte di Daimler in ethereumcollaborazione con una banca tedesca (Landesbank), di 100 Mln di Euro, attraverso una versione privata della blockchain di Ethereum rivolta esclusivamente a delle banche tedesche e della durata di un anno.

La blockchain ha gestito tutta la fase di distribuzione, pagamento della cedola e il rimborso della emissione stessa.

E' stato un progetto pilota di successo che ha permesso a Daimler di dichiarare che continuerà ad investire su applicazioni di questo tipo basate su blockchain.

Si stanno eseguendo inoltre test su attività di scambio di azioni, obbligazioni o prodotti finanziari di altro tipo al fine di eliminare la fase di intermediazione tramite banca o broker azzerando pertanto i costi legati alla intermediazione (spread denaro/lettera) a favore di piccole commissioni per l'esecuzione della transazione stessa.

Così facendo si eliminerebbe anche la gestione centralizzata del flusso dati che permetterebbe di ottenere delle quotazioni in tempo reale uguali per tutti gli utenti della blockchain.

Si stanno studiando anche applicazioni di scritture private verificate da un software decentralizzato, immutabile e di cui si garantisce il rispetto da parte delle controparti.

ETHEREUM E ICO

Ethereum

Su Ethereum infine girano le famose ICO.

Ovverosia le campagne di raccolta di capitali utilizzate dalle Start-Up che in cambio di emissione di un token ottengono dei finanziamenti in criptovalute (tipicamente Ether o bitcoin).

Lo smart contract verifica che la raccolta sia superiore alla cifra minima richiesta per il finanziamento del progetto, e garantisce la distribuzione dei token ai sottoscrittori dello stesso, o il totale rimborso nel caso in cui la raccolta sia inferiore al minimo prestabilito.

Tutte queste applicazioni permettono una maggiore diffusione/utilizzo di Ether e quindi l'aumento del prezzo della stessa, prezzo che comunque tende ad essere più stabile di quello del bitcoin.

 L'ALGORITMO POW E BLOCKCHAIN ETHEREUM

Ad oggi la blockchain Ethereum utilizza un algoritmo di POW (Proof Of Work) analogo a quello utilizzato dalla blockchain di Bitcoin.

In questo modo i nodi della rete mettono a disposizione la loro potenza di calcolo per la risoluzione di calcoli complessi, (ovvero mettono a disposizione la loro energia e vengono ricompensati con della criptovaluta bitcoin o Etereum).

Questa però è una soluzione non scalabile quando le transazioni crescono molto di numero.

Ethereum vuole risolvere questa difficoltà passando ad una soluzione di tipo POS (Proof Of Stake), basata sulla messa a disposizione da parte dei nodi di una garanzia in criptovaluta (si parla di 1000 Ether per blocco), per la validazione di un blocco della rete.

Se la rete convalida il blocco allora si rientra in possesso della cifra, altrimenti viene persa.

Tale algoritmo permette una notevole sicurezza sull'impossibilità per un solo utente di riuscire a manomettere/falsificare le transazioni sulla rete.

Questo risulta impossibile perchè sarebbe necessaria una quantità di criptovaluta, da mettere a garanzia, superiore al 51% del totale presente sulla blockchain.


P.s. Se vuoi l'infografica completa da rivederla quando vuoi ed averla sempre con te, clicca sul bottone qui in basso.

 

download now

POW VS POS

  • Nel caso di algoritmo POW, la falsificazione di un blocco, richiede una potenza di calcolo superiore al 51% della totale potenza di calcolo disponibile su tutta la blockchain (situazione veramente molto poco probabile se non impossibile).
  • L'algoritmo POS, che la comunità Ethereum vuole mettere in funzione a partire dal 2018, renderà pertanto molto difficile minare Ether per utenti che non posseggono una quantità sufficientemente alta di criptovaluta, portando pertanto la blockchain verso una soluzione meno decentralizzata.

INVESTIRE IN ETHEREUM

Se vuoi investire in criptovalute ed in particolare in ETHER o criptovalute basate sulla sua blockchain, è necessario ricordare sempre di valutare con accuratezza il rischio a cui ti si esponi.

Particolare importanza occorre darla alla diversificazione, magari investendo in fondi o ETF/ETN basati sulle principali criptovalute, opportunamente selezionate da professionisti ed esperti del settore, o comunque devi decidere di investire una cifra che puoi permetterti di perdere del tutto.

Questo vale per due motivi:

  • Sia perchè il valore della/e criptovalute selezionate può andare del tutto a zero.
  • Sia perchè può capitare di perdere le proprie cripto per i motivi più disparati (come ad es. l'invio a indirizzi sbagliati oppure la perdita delle chiavi private di accesso al proprio wallett).

Infine per dare alcuni numeri sulle cifre che girano nel mondo delle criptovalute, nel solo anno 2017 attraverso le varie ICO su blockchain Ethereum sono stati raccolti circa 1 Mld di $, con in testa alle raccolte per singolo progetto TEZOS con 220 Mln di $ ed EOS con oltre 180 Mln di $.

 

Capitoli precedenti:

  1. Criptovalute |Guida completa sulle criptomonete|
  2. Blockchain, come funziona -Corso completo
  3. ICO, cosa sono e come funzionano -Guida completa
  4. Bitcoin, cosa sono e come funzionano -Corso completo

 

ASPETTA

Mi farebbe piacere se mi lasciassi qui sotto un commento o un like in modo da sapere se i contenuti che pubblico sono di tuo gradimento, oppure condividere l'articolo con i tasti qui in basso, con i tuoi amici e colleghi.

Qui sotto trovi tutti i miei contatti social e se vuoi scrivermi puoi farlo a: [email protected]

 

 

Ti auguro buon trading

Alessandro Moretti

 

 


Leave a Reply

Your email address will not be published.